Seleziona una pagina

Perché avviare un progetto di cardioprotezione nello Studio medico

Ogni giorno in Italia circa 160 persone sono vittime di un arresto cardiaco improvviso. Può colpire chiunque, giovani o anziani, e generalmente avviene in presenza di altre persone. Attivare immediatamente il sistema di risposta alle emergenze e praticare precocemente la rianimazione cardiopolmonare e la defibrillazione permette di donare una seconda chance di vita. Oggi lo sviluppo di progetti PAD (Public Access Defibrillation) è l’unica strategia di contrasto dimostratasi vincente nella lotta all’arresto cardiaco improvviso.

Scopri cosa offriamo ➝

Come combattere l’arresto cardiaco

L’arresto cardiaco è una delle principali cause di morte, può colpire chiunque, in qualunque momento e in qualunque posto, e può essere combattuto solo entro i primi minuti, praticando la rianimazione cardiopolmonare e utilizzando il defibrillatore, che è un apparecchio sicuro e di facile utilizzo. Dai dati diffusi dal Ministero della Salute sappiamo che ca. il 70% delle persone colpite da arresto cardiaco potrebbe essere salvato con l’impiego tempestivo di un defibrillatore. Pertanto con una diffusione capillare dei defibrillatori ca. 6000 lavoratori l’anno potrebbero ricevere una seconda chance di vita.

L’ambulatorio medico e lo studio odontoiatrico

Uno dei contesti più indicati per un progetto di cardioprotezione è quello dello studio medico e lo studio odontoiatrico. Analizziamo ora le caratteristiche di questo tipo di strutture per valutare la necessità di installare defibrillatori al suo interno:

  • Spesso il paziente vive l’attesa e la terapia con grande ansia e stress che possono generare reazioni negative.
  • Spesso sia per semplici che per complessi interventi di microchirurgia si utilizzano farmaci per anestesie locali o per la sedazione del paziente.
  • I pazienti possono essere affetti da patologie mediche più o meno gravi, alcuni ad esempio possono dichiarare di non avere problemi cardiaci perché lo ignorano.
  • Lo studio medico può essere ubicato in una zona geograficamente svantaggiata o più semplicemente all’interno di un condominio con più piani e/o un’estensione planimetrica in alcuni casi complessa. Raggiungere una persona colta da un arresto cardiaco improvviso all’interno di un uno studio medico può risultare molto difficoltoso.

Il 118, in base alle sue statistiche annuali, ci dice che non sempre riesce ad intervenire entro dieci minuti dall’accaduto. Per questi motivi l’organizzazione delle emergenze, integrata con il sistema territoriale del 118 è una priorità etica e giuridica molto importante. In caso di arresto cardiaco, l’intervento tempestivo nei primissimi minuti da parte del soccorritore praticando la rianimazione cardiopolmonare e utilizzando un defibrillatore (DAE) permette di aumentare del 70% le possibilità di sopravvivenza del paziente.

Lo studio medico/odontoiatrico è una struttura che accoglie pazienti per molte ore ogni giorno e può farsi promotrice di un progetto di cardioprotezione, offrendo alla comunità un punto di accesso alla defibrillazione precoce. Il medico di famiglia, il dentista, il farmacista spesso costituiscono un punto di riferimento per la tutela della salute dei cittadini nelle zone geograficamente più isolate del nostro paese.

Da sempre attenti ai livelli di sicurezza offerti ai propri pazienti, gli studi medici/odontoiatrici sono strutture che dovrebbero dotarsi di defibrillatori, dispositivi salvavita essenziali come possono esserlo kit di primo soccorso, presidi farmacologici adeguati per la gestione delle emergenze o gli stessi dispositivi antincendio.

Dotarsi di un defibrillatore offre una tranquillità supplementare e permette di creare un’immagine del medico e del suo studio ancor più positiva e distintiva, significa preoccuparsi della sicurezza delle persone, come riportato dal decreto attuativo del 18 marzo 2011 della legge n. 191/2009, dove sono consigliati i luoghi che dovrebbero essere dotati di DAE tra cui ambulatori e strutture dove si pratica attività sanitaria.

Scopri cosa offriamo ➝

Cosa offriamo

 

  • Valutazione relativa al posizionamento dei defibrillatori e degli accessori per la segnalazione in base alla planimetria ed all’organizzazione degli spazi
  • Fornitura dei migliori defibrillatori semiautomatici sul mercato extraospedaliero.
  • Formazione BLSD per sanitari.
  • Programmi di assistenza/manutenzione/telecontrollo
  • Supporto nella registrazione del DAE
  • Supporto comunicativo relativo alle attività di sensibilizzazione e promozione sul tema della cardioprotezione

 

Chi partecipa ai nostri corsi BLSD imparerà a:

  • Riconoscere un arresto cardiaco
  • Rianimare un adulto/bambino/lattante
  • Utilizzare un defibrillatore
  • Risolvere un caso di soffocamento praticando le corrette manovre di disostruzione delle vie aeree

Contattaci per ricevere ulteriori dettagli e per un preventivo personalizzato.

Cerchi informazioni per iniziare un progetto di cardioprotezione? Chiamaci al numero 800897870 oppure compila il modulo e verrai ricontattatə

Consenso all'utilizzo dei dati del modulo

2 + 14 =