Seleziona una pagina

Paramentri per un progetto di Cardioprotezione

Contattaci per iniziare il tuo progetto di cardioprotezione ➝

Per definire al meglio il numero di defibrillatori da installare in una struttura suggeriamo di valutare i seguenti aspetti.
In caso di arresto cardiaco, l’intervento da parte di un operatore BLSD formato in grado di intervenire rapidamente, richiede in generale queste tempistiche: Riconoscimento arresto cardiaco (20 sec.) Richiesta d’aiuto/chiam. 112 (20 sec.) preparazione del torace del paziente (30 sec.) preparazione del defibrillatore (25 sec.) applicazione del defibrillatore (15 sec.) 1° Shock (10 sec.).
Nel caso di un intervento fortunatamente condotto al massimo dell’efficienza, nel migliore dei modi e con un pizzico di fortuna la sequenza di azioni sopra riportate richiederebbe un tempo di 2 minuti ai quali bisogna aggiungere il tempo necessario per prelevare e portare il DAE vicino alla vittima (max 1-2 minuti).

QUANTI DEFIBRILLATORI INSTALLARE?

Una vittima di arresto cardiaco sulla quale si interviene entro 3 minuti ha ca. il 70% di possibilità di sopravvivenza. Ne consegue che, un defibrillatore per risultare utile deve poter esser preso e utilizzato entro massimo 2-3 minuti all’interno di un’estensione planimetrica. Pertanto sarà necessario installare un numero di dispositivi che ci consenta sempre di soddisfare questo parametro.

DOVE INSTALLARE IL TUO DEFIBRILLATORE?

L’installazione del defibrillatore è un momento strategico e devono essere presi in considerazione 3 criteri per scegliere la posizione migliore:

  1. L’AED deve essere accessibile rapidamente in meno di 3 minuti!
  2. Il DAE deve essere facilmente accessibile e ben segnalato. Si consiglia di non chiudere a chiave la teca del DAE o di posizionare una stanza chiusa di difficile accesso.
  3. Prediligi un punto strategico e di passaggio.

I defibrillatori extraospedalieri installati all’aperto sul territorio sono posizionati secondo una strategia di Public Access Defibrillation che deve tenere conto: del numero di abitanti e della densità demografica, delle zone di maggior affluenza di pubblico, dell’accessibilità delle zone, e dell’ubicazione di eventuali punti di primo soccorso già esistenti.

A titolo esemplificativo, per avviare un primo ragionamento in merito alla localizzazione, elenchiamo alcuni punti che generalmente, in un progetto di cardioprotezione, vengono individuate come punti strategici per l’installazione dei defibrillatori pubblici:

  • Palazzo del Comune
  • Piazza principale
  • Impianti sportivi
  • Scuole
  • Polizia locale (Volante per postazione mobile)
  • Chiese
  • Zona Mercato
  • Museo
  • Uffici pubblici
  • Farmacie (Partnership raccomandata)
  • Studi medici/odontoiatrici (Partnership raccomandata)
  • Centri anziani
  • Lungomare/lungolago (se presente)

 

QUANTI OPERATORI BLSD FORMARE?

Per quanto riguarda il numero di operatori BLSD da formare e abilitare, se si tratta di un luogo di lavoro dove è prevista la presenza di addetti al primo soccorso a norma della L.81/08 – DM. 388/03, si consiglia di abilitare questi ultimi anche all’utilizzo del DAE in modo da avere tutti operatori con competenze omogenee in caso di emergenza. In generale anche se non si tratta di un luogo di lavoro, ma ad esempio di un condominio, è consigliabile abilitare un numero pari al 5-10% delle persone mediamente presenti, con un minimo di 6 operatori.

Contattaci per iniziare il tuo progetto di cardioprotezione ➝

Parla con uno dei nostri consulenti

 

Cerchi informazioni per iniziare un progetto di cardioprotezione? Chiamaci al numero 800897870 oppure compila il modulo e verrai ricontattato

Consenso all'utilizzo dei dati del modulo

8 + 6 =